Desideri sapere com’è lavorare in Amazon? Con la nostra serie Profili di Pay puoi scoprirlo direttamente dalle persone che rendono Amazon così eccezionale. Questo mese conosciamo la Key Account e Business Development Manager Nadja Bogdanov, che condividerà con noi i suoi momenti indimenticabili nel team di Amazon Pay, i passatempi che la ricaricano (tra cui viaggiare con il suo minibus VW T5) e i motivi per cui mette il culto del cliente al di sopra di qualsiasi cosa.

Puoi raccontarci qualcosa in più sul percorso professionale che ti ha portato fino ad Amazon?

Prima di entrare in Amazon ho studiato grafica e pittura, per poi spostarmi verso Comunicazione internazionale d’impresa. Ho lavorato presso gallerie e agenzie d’arte a Vienna, e poi sono diventata Sales Account manager per Bench, un marchio inglese del settore moda. Qui sono stata promossa a Senior Sales Manager per la Germania meridionale. Quando mi sono resa conto che era giunto il momento di cambiare, sono entrata in Amazon.

Com’è stata la tua esperienza lavorativa in Amazon?

Ho iniziato direttamente come Key Account e Business Development Manager, la mia attuale posizione in Amazon Pay. Mi hanno accolto benissimo e già dopo qualche settimana mi sentivo come se fossi stata parte del team da sempre. Il mio lavoro consiste principalmente nel parlare con potenziali venditori e collaborare con altri team, come quello di integrazione, per aiutare i nostri venditori a integrare Amazon Pay. Mi piace molto lavorare con altri team all’interno di Pay e oltre. Adoro i progetti di cui mi occupo, come la promozione di organizzazioni di beneficenza e il loro supporto tramite le skill Alexa per le donazioni, oltre che lavorare ai progetti per eliminare i punti di frizione per i clienti.

Cosa ti piace della cultura di Amazon?

Sicuramente lo spirito di squadra del team di Amazon Pay. Ci sosteniamo a vicenda in ogni momento e c’è sempre qualcuno su cui puoi contare. Mi piace come le persone di Amazon provengano da percorsi così diversi: mi permette di imparare tantissimo ed è una cosa per me molto importante. La mentalità del “tutto è possibile” è qualcosa che mi motiva enormemente.

Qual è il tuo principio di leadership preferito e perché?

Il culto del cliente. Credo che lavorare a ritroso partendo dai clienti per comprendere i loro desideri e le loro esigenze sia fondamentale per poter offrire prodotti e servizi adeguati, oltre ad aiutarci a essere innovativi. Inoltre, diamo molto valore ai nostri clienti e loro dovrebbero percepirlo. Questo è un aspetto che dovrebbe essere presente in ogni buona relazione commerciale.

Puoi raccontarci qualcuno dei tuoi momenti di maggior orgoglio o più piacevoli in Amazon?

Il momento di maggior orgoglio in Amazon è stato quando ho accettato di occuparmi dei progetti legati all’ambito benefico in Germania, aiutando ad aprire una nuova categoria e a lanciare alcune delle principali organizzazioni di beneficenza. Tra i momenti più piacevoli ricordo il team delle vendite impegnato a giocare a calcio per qualche minuto in pausa pranzo, quasi tutti i giorni prima che cambiassimo ufficio. Ci facevamo sempre delle gran risate, oltre che rafforzare il legame tra i membri del team. Lo spirito di squadra è davvero arrivato ai massimi livelli, rendendo il nostro team ancora più vincente.

C’è qualcosa che ti piace fare al di fuori del lavoro?

Una delle mie più grandi passioni è la terracotta, in particolare modellata con l’apposito tornio. È un hobby che ho iniziato a praticare quasi quattro anni fa durante un lungo soggiorno a San Diego. Da allora ho allestito un piccolo atelier per modellare la terracotta a casa. Ho anche lavorato come fotografa prima di entrare in Amazon e occasionalmente faccio ancora servizi fotografici. Dato che lavoro solo in modalità analogica, i matrimoni rappresentano sempre una grande sfida in quanto non è possibile replicare quei momenti.

Mi piace molto anche la musica. Accompagna quasi tutto ciò che faccio nel tempo libero e non vedo l’ora di poter tornare a un concerto. Mi piace imparare nuove lingue, viaggiare e fare attività all’aria aperta, come snowboard, hiking o semplicemente un tuffo in un lago dopo il lavoro. In generale, fare esercizio fisico è una parte importante della mia vita. Da quando è scoppiata la pandemia tutti i miei viaggi sono stati a bordo del mio minibus VW T5 adattato all’occorrenza, che mi dà ancora la possibilità di trascorrere molto tempo all’aperto.

Qual è stato il consiglio professionale migliore che tu abbia mai ricevuto?

Si tratta di un consiglio in ambito lavorativo ma applicabile anche alla vita quotidiana: non permettere a nessuno di dirti che non sei in grado di fare qualcosa. Riconosci il tuo valore e cerca sempre di imparare da ogni singola cosa. Bisogna trovare il risvolto positivo e riuscire a trarre degli insegnamenti anche dai propri insuccessi.

Che suggerimento daresti a coloro che sono interessati a una carriera in Amazon?

Individuate il vostro obiettivo e mettetecela tutta per raggiungerlo. Non scoraggiatevi se incontrate qualche ostacolo, sono parte del percorso. Pensate in grande e semplicemente andate avanti!

Restiamo in contatto

Ricevi le ultime novità di Amazon Pay direttamente nella tua casella email.