A differenza di quello che succedeva agli albori dell’e-commerce, i consumatori di oggi vogliono avere la libertà di poter scegliere e utilizzare una varietà di metodi di pagamento. Gli sviluppatori e i product manager non solo devono capire quali sono questi metodi di pagamento, ma devono trovare il modo di garantire che lavorino in sintonia l’uno con l’altro. Non si tratta di un obiettivo facile da raggiungere ed è per questo che molte aziende optano per l’utilizzo di soluzioni e-commerce o per il carrello già pronte all’uso. Ma se come me preferisci costruire una soluzione più personalizzabile, ecco che entriamo in gioco noi: Amazon Pay può aiutarti nella costruzione della tua web property, fornendoti suggerimenti su come garantire che le integrazioni dei tuoi metodi di pagamento lavorino in sintonia.

Valutazione delle tue soluzioni di pagamento

Innanzitutto, potrebbe risultare utile categorizzare le tue soluzioni di pagamento in base alla loro funzione e modalità di funzionamento.

  • Modalità sincrona o asincrona: Quando viene informato il cliente riguardo all’autorizzazione del pagamento? I clienti ricevono una notifica immediata, ovvero l’autorizzazione è sincrona con l’esperienza di pagamento? Vengono informati via e-mail che il pagamento è andato a buon fine? Come e quando gestirai i pagamenti rifiutati?
  • Metodo di pagamento autonomo o esperienza di pagamento: Che cosa visualizza il cliente inizialmente quando deve interagire con la soluzione di pagamento? Il cliente ha a disposizione un’opzione per completare il pagamento rapidamente dalla pagina del prodotto attraverso un’esperienza di pagamento semplificata? La tua soluzione di pagamento è inserita nella pagina di conferma dell’ordine e di completamento del pagamento, insieme ad altri metodi di pagamento autonomi come carta di credito e reti ACH (Automated Clearing House)?
  • Notifiche push (inviate direttamente dal server) o notifiche pull (è necessario l’invio della richiesta): Come ottieni le notifiche sullo stato di una transazione? I clienti vengono guidati automaticamente verso i tuoi sistemi oppure devi inoltrare una richiesta (tecnologia pull) per conto loro?
  • Pagamenti una tantum o ricorrenti: I tuoi clienti possono fornirti il consenso a memorizzare il proprio metodo di pagamento oppure impostare un pagamento ricorrente (ad es. per un abbonamento), oppure devono sempre effettuare una nuova transazione?

Le funzioni sopra elencate sono utili per aiutarti ad avere una visione più chiara delle tue integrazioni che possa supportarti nello sviluppo di integrazioni scalabili e basate su determinati formati. Potrebbero anche aiutarti ad andare oltre un sistema che richiede la creazione di handler personalizzati, pagine per il pagamento e una logica di business per ogni singola opzione di pagamento supportata. Concentrati solamente sullo scrittura del codice di programmazione necessario per gestire i campi specifici, le API e gli endpoint di ciascun metodo di pagamento.

Pagamenti sincroni o asincroni

Individua se una transazione avviene in modo sincrono o asincrono, al fine di decidere cosa comunicare ai clienti e definire quando sarai in grado di iniziare l’evasione dei loro ordini. I pagamenti in modalità sincrona (ovvero che avvengono “in tempo reale”) sono indicati se desideri offrire ai clienti un modo rapido per acquistare i tuoi prodotti e vuoi assicurarti che sappiano immediatamente se la transazione è andata a buon fine. I pagamenti in modalità asincrona sono il tipo di transazione offerta dalle soluzioni di pagamento delle carte di credito. Se non ti preoccupa avere troppi pagamenti rifiutati oppure se hai clienti abituali che acquistano prodotti di un importo piuttosto basso, allora questo è il tipo di pagamento adatto per te!

I pagamenti in modalità asincrona avvengono in parte “offline”, oppure al di fuori dell’esperienza di pagamento; sono più indicati quando la verifica e l’autorizzazione sono fattori più importanti rispetto all’immediatezza. Questa modalità è utile se vendi articoli di importo elevato (ad es. abbigliamento di lusso, mobili, ecc.) e i tuoi clienti non si aspettano un addebito immediato dell’importo. Avrai la garanzia che la risposta dal tuo fornitore di soluzioni di pagamento sarà corretta e verificata, piuttosto che rapida.

Amazon Pay supporta entrambi i modelli: puoi richiedere un’autorizzazione sincrona immediata, che restituirà lo stato della transazione nell’ambito della relativa risposta API, oppure un’autorizzazione asincrona che invece invierà una notifica al tuo sistema in un secondo momento. Hai inoltre la possibilità di legare tra loro queste due esperienze di pagamento e avere inizialmente un’autorizzazione sincrona, seguita da un’autorizzazione asincrona solo in caso di pagamento rifiutato, per un’ulteriore verifica.

Notifiche di pagamento

La tipologia di notifiche con cui una soluzione di pagamento ti avvisa su una transazione è tanto importante quanto il modo in cui la stessa viene elaborata! Quando un articolo del tuo ordine è stato spedito, ricevi una notifica “push” simile a quelle che riceveresti sul tuo cellulare? Oppure invii costantemente un richiesta a un endpoint dell’API, come quando sul tuo cellulare apri l’app usata per l’acquisto e controlli se l’ordine è stato spedito?

A seconda della tua infrastruttura e dei requisiti di sicurezza, potrebbe essere essenziale disporre del totale controllo sulle comunicazioni in entrata e in uscita, inviando personalmente la richiesta per quella specifica informazione. Se da una parte si tratta di un approccio sicuro, dall’altra però non è detto che tutte le soluzioni di pagamento supportino l’invio ripetuto delle richieste API ai propri server per ottenere informazioni su una transazione.

Se invece il tuo fornitore di soluzioni di pagamento supporta le notifiche “push”, allora puoi decidere che siano i loro server a inviare direttamente gli aggiornamenti a un endpoint da te scelto. Quindi, invece che usare i “Cron Jobs”, puoi liberamente scegliere di avere un solo endpoint con singoli handler per le tue soluzioni di pagamento.

Amazon Pay ti offre il suo aiuto nell’approccio che più si adatta alle esigenze della tua infrastruttura, tramite le Notifiche istantanee di pagamento (IPN, di tipo “push”) e le API per query relative alle transazioni (di tipo “pull”). Per maggiori informazioni sulle IPN e sul loro utilizzo, leggi il nostro post “Il mondo delle notifiche istantanee di pagamento”.

L’esperienza del cliente

Il modo in cui una soluzione di pagamento viene presentata agli acquirenti può influire sulla loro decisione finale d’acquisto. Ci sono due aspetti fondamentali da considerare: la soluzione offre un’esperienza d’acquisto semplificata nelle fasi iniziali del percorso del cliente? Inoltre, tale soluzione supporta i pagamenti ricorrenti?

Offrire ai tuoi clienti un’opzione di pagamento rapida o alternativa nelle fasi iniziali del percorso d’acquisto (ad es. nelle tue pagine dei singoli prodotti o in quella del carrello) è una buona idea per soddisfare coloro che già sanno cosa acquistare. Tuttavia, è ugualmente importante garantire che ciascuna soluzione di pagamento sia adeguata alla fase d’acquisto in cui si trovano i clienti.

Ad esempio, potresti presentare Amazon Pay come un’opzione alternativa per acquistare un solo prodotto e “proseguire”. In questo modo, i clienti entrerebbero immediatamente nell’esperienza di pagamento Amazon Pay, senza dover affrontare la procedura più lunga richiesta quando vengono proposti tutti gli altri metodi di pagamento.

Ovviamente, Amazon Pay è anche disponibile come metodo di pagamento autonomo, ovvero offrendo l’opzione di scegliere un metodo di pagamento memorizzato quando il tuo cliente ha già terminato il proprio percorso d’acquisto. Offrire entrambi questi tipi di esperienze di pagamento contemporaneamente e nello stesso punto significa che il cliente potrebbe dover selezionare due volte le proprie informazioni di spedizione, fatturazione e pagamento. Si tratta ovviamente di una soluzione poco auspicabile. Ti consigliamo di controllare in che modo ogni metodo di pagamento sia effettivamente messo a disposizione del cliente.

Pagamenti ricorrenti

Quando si finalizza la procedura di pagamento, la considerazione finale è se la soluzione di pagamento possa supportare o meno i pagamenti ricorrenti. È un aspetto importante se vendi solamente dei prodotti che si basano sulla sottoscrizione di abbonamenti, oppure una combinazione di questa tipologia e prodotti acquistati una tantum. Immagina la difficoltà per un cliente se dovesse raggiungere la pagina di completamento dell’ordine, con il carrello pieno dei tuoi prodotti, pronto per effettuare il pagamento con il metodo preferito, e scoprisse solo in quel momento che non è supportato! Per ridurre i possibili intoppi, assicurati di presentare solo i metodi di pagamento “giusti”, in base ai prodotti che il cliente ha inserito nel carrello.

Con Amazon Pay, i clienti hanno già accesso ai propri metodi di pagamento memorizzati; inoltre, diamo loro la possibilità di acconsentire all’utilizzo dello stesso metodo di pagamento anche in futuro. Associando tale consenso a un token, dovrai quindi archiviare lo stesso token in un database protetto o all’interno della tua soluzione di abbonamento prescelta. Memorizzando questi token Amazon Pay nello stesso formato logico e nello stesso luogo degli altri tuoi token, autorizzazioni o accordi, potrai così gestire gli abbonamenti dei tuoi clienti da un unico luogo centrale, indipendentemente dal metodo di pagamento scelto dagli acquirenti.

La scelta è tua

Se stai giungendo alla conclusione che Amazon Pay offre elevata flessibilità, invece che l’obbligo di affidarsi a un singolo metodo o integrazione, sappi che è proprio così! Siamo convinti che, in fin dei conti, la scelta finale relativa al lavoro di programmazione da intraprendere sia tua. Il nostro compito è quello di essere a tua disposizione e offrirti un’esperienza di pagamento che soddisfi la tua azienda e i nostri clienti che abbiamo in comune. Siamo sempre pronti ad aiutarti, sia che tu preferisca un metodo basato sulle notifiche, sia che tu voglia lasciare ai tuoi clienti la libertà di ricevere l’addebito in un secondo momento.

Per ulteriori suggerimenti su come sfruttare al meglio la tua integrazione Amazon Pay, dai uno sguardo a questa sezione.

Restiamo in contatto

Ricevi le ultime novità di Amazon Pay direttamente nella tua casella email.