Il Baymard Institute ha dedicato gli ultimi 7 anni e oltre 28.000 ore alla conduzione di una ricerca sulla fruibilità dell’e-commerce, con l’obiettivo di comprendere ciò che porta i consumatori ad aggiungere degli articoli nel carrello, nonostante infine non portino a termine l’acquisto. L’abbandono del carrello, come è noto, è un problema costante per il commercio online: il Baymard ha rilevato che il 69% degli articoli aggiunti al carrello non vengono mai acquistati, il che porta a circa 260 milioni di dollari di entrate perse. 

Il report relativo alla ricerca del Baymard, “Checkout Optimisation and Reducing Abandonments” (2017), commissionato da Amazon Pay, identifica sei modi grazie ai quali le imprese possono migliorare le loro procedure di pagamento per evitare l’abbandono del carrello: 

  1. Ottimizzazione dei campi dei moduli – il classico sistema di pagamento online contiene il doppio dei moduli necessari; entreremo nel dettaglio dei modi specifici grazie ai quali i commercianti possono semplificare il processo. 
  2. Campi dei moduli precompilati – la precompilazione di informazioni di base quali l’e-mail, il nome e il codice postale migliorano visibilmente l’efficienza della procedura di pagamento. Vi mostreremo in quali casi è fattibile, e come effettuarla.
  3. Dubbi sulla sicurezza – prima di rilasciare i dati relativi alla loro carta di credito, gli utenti devono fidarsi dei commercianti. Parleremo di cosa si può fare per mitigare queste paure. 
  4. Dubbi sulla privacy – richiedere dati quali l’età e il sesso può essere utile a livello di marketing, ma può anche alimentare i timori relativi alla privacy. Imparate come e quando richiedere questo tipo di dati. 
  5. Creazione forzata di un account – costringere un consumatore a creare un account per poter effettuare un acquisto è una prassi comune, ma è uno dei principali motivi per cui il carrello viene abbandonato. 
  6. Pagamenti tramite fornitori terzi – i fornitori di pagamenti terzi stanno guadagnando popolarità, soprattutto nelle operazioni transnazionali.

Per semplicità, abbiamo affrontato tali questioni in quattro post dettagliati riguardanti i campi dei moduli, la sicurezzala creazione forzata di un account, e i pagamenti da terzi. Se siete interessati al report completo, potete scaricarlo qui.