Da più di un secolo, Le Coq Sportif è sinonimo di abbigliamento sportivo non solo in Francia, ma in tutto il mondo. Sono poche le aziende a vantare una tale longevità, soprattutto in un settore dove la competitività è così forte. Il segreto del brand nato a Romilly-sur-Seine? Mantenere inalterato il proprio DNA senza rinunciare a guardare al futuro, instaurando collaborazioni con alcune delle realtà sportive più importanti al mondo e reinventandosi nei momenti di crisi.

Una vita per lo sport

Quella di Le Coq Sportif (in francese “Il gallo sportivo”) è una storia che merita di essere raccontata. Nel 1882 il fondatore Émile Camuset comincia a produrre maglie in jersey per i suoi amici sportivi. È solo l’inizio: a partire dagli anni '20 del secolo successivo, la produzione si fa sempre più serrata per rifornire federazioni e squadre professioniste e amatoriali di ciclismo, calcio, rugby e basket, sia maschili che femminili.

Nel 1939, Le Coq Sportif diventa un marchio di abbigliamento generalista e crea la prima tuta sportiva della storia, che viene ironicamente soprannominata "Il vestito della domenica". I francesi si innamorano sempre di più del brand, che nel '51 è nominato fornitore ufficiale delle maglie del Tour de France. Ma il gallo ha mire espansionistiche: nel '58 compare sulle maglie della nazionale francese guidata da Raymond Kopa e sulle divise dei blu alle Olimpiadi di Roma del ’60.

È un periodo d'oro per Le Coq Sportif, che per anni accompagna i campioni delle discipline più svariate nell’ascesa all’Olimpo dello sport. Dalla nazionale francese di rugby al tennista americano Arthur Ashe, senza dimenticare l'Italia campione del mondo dell’82, il vincitore del Roland Garros Yannick Noah, l'Everton dell’85, l'Argentina del '86 e molti altri ancora. Ma i primi amori non si scordano mai, e infatti nel 2012 il brand torna ad essere fornitore ufficiale del Tour. Non mancano, però, nuove sfide, come la collaborazione con la Fiorentina e la scuderia Renault.

La Francia in pole position

Dopo l'acquisizione del 1988 da parte di Adidas, nel 2005 Le Coq Sportif diventa proprietà della società svizzera Airesis SA. In seguito a un periodo di assestamento, nel 2017 il brand registra una crescita positiva e apre nuovi flagship store in Francia e nel mondo, lavorando incessantemente per adattarsi alle nuove richieste di mercato. Come commentato dai portavoce del brand, "le collaborazioni con la Fédération Française de Rugby (FFR) e con la scuderia Renault F1 consentono di migliorare la strategia di riqualificazione delle linee di abbigliamento e di rafforzare il coinvolgimento di Le Coq Sportif nel mondo dello sport professionistico."

I risultati non tardano ad arrivare. In particolare, dalla collaborazione con la casa automobilistica nasce un'esclusiva sneaker realizzata su misura per il lancio del nuovo Renault Captur, un modello sportivo che riprende i colori e le linee del SUV, riflettendone lo spirito audace e arricchendolo con il celebre gallo, ormai sinonimo di sportswear e alte performance. Data la crescente popolarità dello store online, inoltre, il brand ha introdotto l’utilizzo di Amazon Pay per garantire ai clienti un’esperienza di shopping ancora più soddisfacente.

A partire dal 2021, Le Coq Sportif sarà per la seconda volta fornitore ufficiale della squadra olimpica e paralimpica francese, incluse le Olimpiadi di Parigi del 2024. "Parigi 2024 ha scelto un brand francese per vestire i team e gli atleti francesi per i Giochi Olimpici e Paralimpici che si terranno in Francia! Questa scelta promuoverà i nostri territori, l'industria francese e il nostro know-how internazionale," ha commentato soddisfatto Marc-Henri Beausire, CEO di Airesis. Il gallo, insomma, tornerà a cantare in casa.

Restiamo in contatto

Ricevi le ultime novità di Amazon Pay direttamente nella tua casella email.